10 luoghi pittoreschi a Roma (+1)

Dimore consigliate per i pernottamenti:
Numero di notti consigliate: 3

Roma-al-tramonto.jpg

Pittoreschi, insoliti, curiosi. Roma è ricca di posti simili. Durante la nostra ultima scorribanda per le vie della Capitale, ne abbiamo appuntati dieci. Scopriteli insieme a noi…

Vicolo Scanderbeg
A pochi passi dalla Fontana di Trevi troverete questa stradina tutta in salita. Se la seguirete, vi condurrà fin sul colle del Quirinale. Una curiosità. Il vicolo fu il primo a Roma ad avere un nome straniero - Scanderbeg era il soprannome di un principe albanese.
Stretta fra case e palazzi costruite fra il Sei e l’Ottocento, la stradina è abbellita dall’arco della Dataria, che unisce l’omonimo palazzo a quello del Quirinale.

Via Margutta
Nota a tutti come la strada romana degli artisti, è un angolo di pace e silenzio fra i giardini di Villa Borghese e il Tevere, a pochi minuti a piedi da Piazza del Popolo. In una casa di un piano nobile affacciato sulla strada abitarono Federico Fellini e Giulietta Masina - la via fu anche il set del film Vacanze Romane.
Al civico 82 troverete l’Osteria Margutta, un prezioso pezzo di storia della ristorazione capitolina.

Via Borgognona
Rifatevi gli occhi in questa via nel centro di Roma, parallela a Via Condotti, a pochi passi da Piazza di Spagna. Qui si affacciano alcune delle vetrine più eleganti della città, con i marchi di lusso e le griffe delle grandi case di moda internazionale.

Via di Monte Giordano
Monte Giordano è una lieve altura nel rione Ponte. La strada omonima unisce Via di Panico a Via della Vetrina e conserva ancora qualche bottega storica di artigianato. Fra le tante dimore che si affacciano sulla strada, vi segnaliamo Palazzo Taverna, eretto nel Quattrocento sulle rovine della fortezza del senatore Giordano Orsini.

Clivio di Rocca Savella
Se siete a caccia di scorci d’autore, godetevi questa passeggiata in un bel pomeriggio di sole. Il Clivio di Rocca Savella è sulle pendici dell’Aventino, a breve distanza dal Lungotevere. La camminata vi condurrà da Piazza di Bocca della Verità al Giardino degli Aranci, la terrazza più romantica della città.

Largo de’ Librari
La sua chiesetta sembra un presepe incastonato fra i palazzi settecenteschi del Rione Regola, a breve distanza da Campo de’ Fiori. Accanto al sacro, gustatevi il profano del locale Dar Filettaro, al civico 88 della via, il tempio della cucina povera romana: solo filetti di baccalà fritti, pane, burro, alici e puntarelle alla romana. Merita una sosta.

Coppedè
Fa parte del quartiere Trieste, fra Piazza Buenos Aires e via Tagliamento. Si tratta di una serie di palazzine di forme e stili arditi, surreali, quasi fiabeschi per quanto sono bizzarre. Il liberty si fonde con il barocco e con l’arte greca e medievale, in un “pasticcio” da lasciare a bocca spalancata. Una curiosità. Nella Fontana delle Rane si tuffarono, vestiti, i Beatles, dopo un loro concerto tenuto nella vicina discoteca Piper.

Garbatella
Fra la zona di San Paolo e l’Ostiense, la Garbatella è il vero quartiere popolare di Roma. Di origini umili, nata nel secolo scorso per gli operai che lavoravano ai muraglioni del Tevere, la borgata ha un’atmosfera familiare e ammiccante. Più che un quartiere della Capitale, la Garbatella è un paese a sé, sincero, ricco di scorci suggestivi, villini liberty, mercati popolari e trattorie pronte a servirvi bucatini all’amatriciana e rigatoni alla carbonara.

Biblioteca di Villa Mercede
Al civico 113 di Via Tiburtina potete evadere dal traffico romano e rifugiarvi in questa bella biblioteca. In estate, la villa ospita spettacoli e rassegne cinematografiche. Se non vi interessano i libri, potete sempre passeggiare nel verde del giardino, ombreggiato da palme, pini, cedri e piante lussureggianti.

Ghetto Ebraico
Fra i più antichi ghetti al mondo, custodisce la Sinagoga, uno dei più grandi templi d’Europa. Fra i suoi tanti scorci pittoreschi, non farete troppa fatica a imbattervi in un forno o in una pasticceria pronte a conquistarvi con le loro dolcezze - assaggiate la crostata di visciole.

Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio
Pochi l’avrebbero pensato, ma a Roma esiste un duomo in stile gotico - sembra quasi una copia in miniatura di quello di Milano. La chiesa è sorta fra Otto e Novecento sul Lungotevere Prati. Ma la sua vera particolarità è un’altra. Al suo interno potete visitare uno dei musei più insoliti di Roma: raccoglie le testimonianze della presenza delle anime dei defunti.